E' finito in carcere insieme ai suoi due complici, in quanto sottoposto a fermo di indiziato di delitto per una rapina commessa il 15 febbraio scorso a Ostia.

Stiamo parlando di un uomo di Ardea, che anziché essere ai domiciliari aveva pensato bene di uscire e mettere a segno un colpo insieme ad altre due persone in viale Marconi, riuscendo a scappare con un bottino di quattromila euro.

Il commando aveva raggiunto il negozio e, con il volto travisato e una pistola in pugno, aveva compiuto la rapina, prima di una fuga con una o più moto.

Le successive indagini dei carabinieri di Ostia, suffragate dai filmati della videosorveglianza del locale, hanno consentito di ipotizzare la presunta responsabilità dei tre uomini nel colpo alla periferia di Roma: a conferma di ciò, in casa di uno degli indagati, a Casal Palocco, sono stati trovati una pistola calibro 7,65 con matricola abrasa, un casco, alcuni indumenti e una moto usati nella rapina.

Tutti e tre gli uomini, di 48, 41 e 33 anni, sono finiti nel carcere di Regina Coeli.