Salgono a tre i casi "autoctoni" del Lazio per quanto riguarda la positività al Coronavirus. Lo ha comunicato poco fa l'Istituto "Spallanzani" di Roma attraverso l'ormai consueto bollettino giornaliero.

«Nella giornata del 27 febbraio è giunta spontaneamente, presso il nostro Istituto, una giovane donna, residente a Fiumicino, con lieve sintomatologia e link epidemiologico, in quanto ha soggiornato in Lombardia, in particolare in provincia di Bergamo. La donna è risultata positiva al test, che è stato confermato anche dall'Istituto Superiore di Sanità. In via prudenziale, lo Spallanzani ha provveduto, ieri in tarda serata, a ricoverare l'intero nucleo familiare. Ad oggi i primi test effettuati risultano positivi per il marito della donna e uno dei due figli. Nelle prossime ore si effettueranno i test di eventuale conferma».

Nel frattempo, c'è una buona notizia per quanto riguarda Niccolò, il 17enne italiano rientrato da Wuhan il 15 febbraio scorso: ha lasciato questa mattina lo Spallanzani insieme ai suoi genitori. «La comunità clinica e scientifica dello Spallanzani e la direzione dell'ospedale - si legge nel bollettino - hanno salutato il ragazzo augurandogli ogni felicità».

La comunicazione si conclude con il consueto bilancio: «Tutti gli altri test effettuati finora per altri pazienti sono risultati negativi. Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 193 pazienti. Di questi, 165, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Ventotto sono i pazienti tutt'ora ricoverati».

C'è il primo caso di test positivo al Covid-19, nell'istituto Spallanzani di Roma. Questo è quanto riportato nella nota diramata poco fa dall'Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma. "I test sono stati inviati all'Istituto Superiore di Sanita' (Iss) per la convalida - si legge nella nota - Il nucleo famigliare del caso positivo e' stato portato allo Spallanzani in sorveglianza attiva". Stando a quanto riportato dall'agenzia Dire, il caso riguarda una donna di Fiumicino, in provincia di Roma, tornata recentemente dal bergamaco. Il nucleo familiare, composto dal marito e due figli di 5 e 10 anni, sono tutti in isolamento presso l'istituto. Come riportato dall'Ansa, "avendo sintomi influenzali la donna si è rivolta alla Asl di competenza e ha rispettato un auto isolamento fiduciario domiciliare, come da protocollo. Poi, vedendo che i sintomi non passavano, sono stati i fatti i test allo Spallanzani".

di: La Redazione