Alla base dell'aumento dei casi positivi di coronavirus nel Lazio, ci sarebbe una festa fatta in una parte della regione, in provincia di Latina, con persone provenienti da altre regioni d'Italia. "Una festa che non andava fatta", ha dichiarato il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, nel corso della conferenza stampa che si è conclusa poco fa.  L'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato, ha aggiunto che "sull'area di Latina sono in corso 400 interviste da parte dei nostri operatori proprio perché c'è stato un ritardo nel dichiarare questa grande festa che ha coinvolto molti nuclei familiari e questo ci ha fatto ritardare nella ricostruzione del link. Quindi, è importante la collaborazione dei cittadini nel dire cose che possono sembrare superflue ma per noi sono importanti".