Coinvolto in un incidente stradale, un giovane neopatentato è finito nei guai per essere scappato subito dopo l'impatto. Una reazione tanto istintiva quanto ingiustificata, visto che stando ai primi riscontri, il ragazzo aveva persino ragione nella dinamica del sinistro: al termine di un'indagine lampo, l'automobilista fuggito dal luogo dell'impatto è stato rintracciato dalla Polizia Locale e denunciato.

L'incidente si è registrato nel pomeriggio di ieri all'incrocio tra via Guido Rossa e via Bachelet, a Latina, tra una Smart Fortwo e una monovolume. La prima si è fermata subito, a bordo c'erano un uomo una donna, con la passeggera che ha riportato ferite e contusioni tanto da richiedere l'intervento di un'ambulanza del servizio 118 per le cure del caso e il trasporto presso il pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria Goretti. L'altro veicolo invece si è allontanato prima che qualcuno potesse annotare la targa.

Dopo la segnalazione alla centrale operativa del Comune, è intervenuta la Polizia Locale per i rilievi e i primi accertamenti: mentre una pattuglia si occupava dei riscontri sulla dinamica, l'altra si è subito attivata pare rintracciare il fuggitivo. In particolare agli agenti non è sfuggita la presenza di una telecamera nella zona circostante, un impianto di sorveglianza installato da un privato che si è subito rivelato utili all'individuazione dell'altro veicolo coinvolto.

Grazie alla descrizione fornita dagli occupanti dell'altra auto, gli agenti della Polizia Locale sono riusciti a rintracciare, nel filmato, una Scenic Renault del tutto compatibile con quella scappata. È stato quindi rintracciato il proprietario del veicolo, ovvero il padre del giovane che guidava al momento dell'incidente, risultato all'oscuro di quello che era successo. In breve tempo è stato quindi rintracciato il figlio diciottenne e con esso la vettura, che aveva danni compatibili con quelli della Smart.
Ricostruendo i fatti, è emerso che il giovane automobilista ha avuto l'istinto di allontanarsi subito dopo l'incidente, probabilmente per paura delle conseguenze, ma in realtà i successivi riscontri hanno permesso di scoprire che non era stato lui a provocare il sinistro. Fatto sta che per il diciottenne, residente nel Comune di Sezze, oltre alla denuncia a piede libero per omissione di soccorso e fuga, è scattato anche il ritiro della patente e le sanzioni del caso per le violazioni al codice della strada.