E' finito in carcere per l'ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia un uomo di 54 anni che, ad Artena, si è scagliato con violenza contro alcuni congiunti e, in special modo, contro la cugina.

Nello specifico, stando a quanto ricostruito dai carabinieri, il 54enne artenese, dopo una banale discussione in casa e in stato di presunta alterazione psicofisica, ha lanciato un vaso e ha colpito la cugina 37enne, prima di scagliare altri oggetti contro tutti i presenti.

A quel punto, vista la situazione, è scattata la chiamata al 112, con i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Colleferro (diretta dal capitano Ettore Pagnano) che sono intervenuti e hanno placato la lite, soccorrendo la donna ferita che, curata dai medici dell'ospedale, è stata giudicata guaribile in sette giorni viste le escoriazioni riportate.

Nel ricostruire l'accaduto, inoltre, i militari dell'Arma hanno scoperto come l'uomo, anche in passato, avrebbe posto in essere dei maltrattamenti contro la zia 55enne e la cugina, entrambe conviventi dell'uomo: una vita, in particolare, caratterizzata da atteggiamenti provocatori, insulti, minacce e aggressioni verbali.

Alla luce di tutto questo, dunque, l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Velletri.