Crescono le restrizioni nel Comune di Fondi, città "cluster", da monitorare costantemente per il numero di contagi da Covid-19. Il vicesindaco Beniamino Maschietto ha emanato un'ordinanza che di fatto chiude il cimitero comunale, la sospensione al suo interno di ogni attività connessa ai servizi di iniziativa privata. Sono poi stati chiusi parchi, giardini e aree verdi di proprietà comunale, siano essi con o senza recinzione, così come sono sospese le aree mercatali pubbliche di via Marconi, via Gioberti e via Mola Santa Maria. Ma non è tutto. Il Comune vieta anche la pratica di attività sportiive e motorie all'aria aperta, in strade e spiagge, consentite soltanto a coloro che ne hanno bisogno pe oggettivi motivi sanitari.
Il provvedimento di Maschietto si è reso necessario per via della continua crescita di contagi all'interno della città di Fondi, considerata dalla Asl uno dei tre cluster della provincia, da tenere sotto osservazione. Ad oggi sono 33 i cittadini contagiati dal nuovo Coronavirus. Il vicesindaco invita la cittadinanza ad attenersi alle misure restrittive, sollecitate con maggior rigore anche dalla prefettura nei giorni scorsi, con una richiesta alle forze dell'ordine ad aumentare i controlli. Chi deve fare la spesa, la faccia facendo unscire un solo famigliare, e recandosi nei punti vendita più vicini alla propria abitazione oppure di avvalersi della spesa a domicilio. «Tutta la cittadinanza è tenuta ad attenersi rigorosamente alle disposizioni della suddetta ordinanza – ha detto Maschietto - Le Forze di Polizia presenti sul territorio, e che quotidianamente svolgono servizi di controllo finalizzati all'osservanza delle disposizioni contemplate nei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri susseguitisi tra l'8 e l'11 Marzo 2020, ci hanno segnalato numerosi comportamenti in contrasto con le norme, con particolare riguardo agli spostamenti non comprovati delle persone fisiche. Si ricorda a tutti che lo scopo principale dei suddetti decreti, sempre più restrittivi in considerazione dell'evolversi della situazione epidemiologica, così come dell'ordinanza sindacale odierna, è quello di limitare lo spostamento delle persone fisiche che deve avvenire solo per comprovate esigenze lavorati e, motivi di salute e situazioni di necessità Tra queste ultime, ad esempio: approvvigionamento alimentare e assistenza agli anziani (ricordando comunque che sono le persone più vulnerabili e che di conseguenza vanno il più possibile protette dai contatti), gestione quotidiana degli animali domestici rimanendo in tal caso nelle strette vicinanze della propria abitazione. Molto spesso i comportamenti non conformi dei cittadini sono favoriti da una errata informazione, veicolata troppo spesso dai social media, e pertanto invito ancora una volta a fare riferimento esclusivamente ai canali d'informazione istituzionali». Il vicesindaco annuncia maggiori controlli della polizia locale. «Ogni uscita – prosegue Maschietto – deve essere giustificata e motivata, dotandosi di apposita autodichiarazione, il cui modello è reperibile sul sito istituzionale del Ministero dell'Interno e altresì sull'apposita sezione del sito istituzionale del Comune di Fondi. La veridicità delle autodichiarazioni sarà oggetto di controlli successivi e la non veridicità costituisce reato». Si rischia una denuncia penale e sanzioni fino a 500 euro. Da ultimo: chiunque avesse sintomatologie parainfluenzali deve assolutamente rimanere in casa e chiamare il proprio medico curante per una valutazione del proprio stato di salute. E' indispensabile il rispetto delle regole per la protezione igienico-sanitaria di ciascuno, tra cui: lavarsi spesso e bene le mani; evitare abbracci e strette di mano; mantenere nei contatti sociali la distanza interpersonale di almeno un metro; starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie.