I numeri del contagio (ad oggi, martedì 24 marzo) continuano a crescere ma, elemento molto significativo e positivo, rallentano (ed è il terzo giorno consecutivo che accade). Crescono invece in modo brusco i decessi, che solo oggi sono stati 743. Raddoppiano quasi i guariti. Tutti elementi che inducono ad un cauto ottimismo (sommati anche alla lieve diminuzione registrata dalla Lombardia) e che rafforzano la convinzione di trovarci in quella che da tutti gli esperti viene definita come la settimana decisiva nella lotta alla pandemia. Se si terrà duro, se si continuerà a rispettare le misure restrittive imposte dal Governo, se si starà a casa il più possibile, sicuramente si riuscirà a far invertire la curva dei contagi e quindi a vincere questa durissima battaglia. I tempi sono incerti, forse ci vorranno ancora diverse settimane, forse qualche mese. ma ce la faremo. 


I particolari della situazione della diffusione del contagio ad oggi, come sempre ormai da giorni, l'ha fornita poco fa Angelo Borrelli, capo della Protezione civile nazionale. 


I NUMERI DELLA PROTEZIONE CIVILE

Torna a salire il numero dei morti per coronavirus in Italia. Sono complessivamente 6.820 le vittime, con un aumento rispetto a ieri di 743. Lunedì l'aumento era stato di 601.


Sono 8.326 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 894 in più di ieri. L'ha detto il commissario per l'emergenza Angelo Borrelli durante la conferenza stampa alla Protezione civile. Ieri l'aumento dei guariti era stato di 408.

Sono complessivamente 54.030 i malati di coronavirus in Italia - ha spiegato - con un incremento rispetto a ieri di 3.612. Lunedì l'incremento era stato di 3.780. Il numero complessivo dei contagiati - comprese le vittime e i guariti - ha raggiunto i 69.176. Il dato è stato fornito dal commissario per l'emergenza Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile.