Numeri in chiaroscuro, quelli di ieri, per l'emergenza Coronavirus in Italia. A fornirli, in conferenza stampa, è tornato il commissario della Protezione civile Angelo Borrelli, guarito dalla lieve influenza che lo aveva colpito nei giorni scorsi. L'Italia ha superato ieri quota 10 mila vittime ma ha registrato anche una ulteriore contrazione del trend dei contagi, il vero numero che oggi può dire in che modo si sta muovendo l'epidemia sul territorio nazionale.

I dati nazionali della Protezione civile
Sono 5.974 i nuovi casi positivi registrati ieri in Italia, in linea col giorno precedente.. Complessivamente i positivi al virus sono 70.065 (+3.651 contro i +4.401 di venerdì), 12.384 le persone finora guarite (+1.434 in 24 ore) mentre i decessi totali da inizio epidemia sono 10.023, con un aumento di 889 in un solo giorno ma in calo di 80 rispetto ai 969 comunicati venerdì dal Dipartimento nazionale della Protezione civile. Inoltre, a oggi si contano 26.676 ricoverati con sintomi, con un incremento di 647 rispetto a sabato; i ricoverati in terapia intensiva sono 3.856 (+124 rispetto a sabato), mentre le persone in isolamento domiciliare sono 39.533 (+2.880 rispetto al dato di venerdì). Il numero di tamponi eseguiti è salito a 429.526 (+35.447). Il trend di crescita dei contagi sta scendendo ancora ed è sotto al 7% (6,91%).