È scattata alle prime luici dell'aba, l'operazione che ha visto i carabinieri di Cisterna di Latina e Aprilia eseguire  8 ordinanze di custodia cautelare, a carico dei componenti di un gruppo criminale operante a Cisterna, dedito allo smercio di sostanze stupefacenti - soprattutto cocaina - e a connesse operazioni di recupero crediti a carattere estorsivo. Due di loro, inoltre, sono risultati i responsabili dell'atto intimidatorio perpetrato il 19 maggio 2018, quando esplosero colpi di arma da fuoco contro l'automobile di un Maresciallo della Stazione, responsabile di contrastare la loro attività di spaccio con eccessiva determinazione. È emerso, dalle indagini, che ipotizzavano altri, anche più gravi attentati contro i militari dell'Arma. Uno degli otto è Gianluca Zuncheddu, padre di Desirèe Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina trovata senza vita il 19 ottobre del 2018 all'interno di uno stabile abbandonato nel quartiere San Lorenzo, a Roma.