Rubare è sempre un atto vergognoso, tanto più se si prendono di mira degli omaggi floreali posti davanti a un'immagine sacra o in luoghi di culto.
Questo l'amaro episodio accaduto nelle scorse ore a Le Castella. All'altezza dell'incrocio tra via Civitona e via Giovanni XXIII i residenti hanno eretto un piccolo santuario, con la statua della Madonna, derubato nelle scorse ore delle sue piante, portate lì dai fedeli. Tre piante di Cycas grandi, ingombranti da trasportare e per questo fatto nelle ore notturne, presumibilmente con un grosso mezzo. Duro lo sfogo della signora Daniela, che sulla pagina "Basta furti a Cisterna" ha chiesto aiuto agli oltre seimila iscritti per rintracciare gli autori di questo atto.
«Chi l'ha fatto si deve vergognare», ha scritto. La notizia infatti, ha fatto il giro della frazione di Le Castella in poche ore. Così le persone residenti nei pressi della statua della Madonna, hanno ripulito l'area dalla terra caduta dai vasi durante il furto e posto altre piante al posto di quelle rubate.