Ha conosciuto una donna sul litorale ed è andato con lei nella propria casa di Lanuvio. Poi, mentre faceva la doccia, è stato derubato dell'auto e di due cellulari proprio dalla trentenne che, al termine di un lungo inseguimento, è stata bloccata dalla polizia ad Anzio.

Protagonista, suo malgrado, di questa storia è un cittadino straniero residente a Lanuvio: l'uomo era riuscito a invitare a casa sua la trentenne di Anzio e, prima di preparare una cena a lume di candela, ha pensato bene di entrare in doccia. La ragazza, approfittando della situazione, ha preso le chiavi dell'auto dell'uomo, i suoi due cellulari ed è scappata.

Durante la fuga, una Volante del commissariato di Genzano le ha intimato l'alt: lei, temendo che l'uomo l'avesse già denunciata (ma non avrebbe potuto farlo, visto il furto dei cellulari) ha forzato il posto di controllo e ha intrapreso una rocambolesca fuga. Ne è nato un lungo inseguimento sulla Nettunense terminato ad Anzio, con i poliziotti del locale commissariato che l'hanno bloccata, denunciata per diversi reati e sanzionata per l'inottemperanza alle normative anti-Coronavirus.