Un airone stellato, specie protetta di uccelli migratori che nidificano nei canneti e negli habitat dunali, è stato notato e segnalato nel primo pomeriggio dai volontari del circolo Legambiente "Pisco Montano" alla guardia costiera di Terracina. Il volatile si trovava fermo sull'arenile, nei pressi dello stabilimento Sirenella, ed era in evidente difficoltà, probabilmente con una zampa spezzata.

I militari dell'ufficio circondariale marittimo lo hanno recuperato e in attesa di consegnarlo all'ente Parco Riviera D'Ulisse, dove il dottor Nicola Marrone, direttore del servizio naturalistico, si è reso disponibile, è stato consegnato ai volontari del circolo, che si sono incaricati della consegna. "La presenza di questi delicati animali, non frequente sui nostri litorali, è presumibilmente conseguenza del periodo di "lockdown" per l'emergenza nazionale Covid-19, e deve far riflettere sulla necessità che l'uomo adotti sempre comportamenti virtuosi ed idonei a salvaguardare il fragile ecosistema marino e costiero" scrive la guardia costiera. "Il buon esito dell'intervento di oggi è dipeso dalla ormai consolidata collaborazione tra la Guardia Costiera e le varie associazioni del territorio, in questo caso il Circolo di Legambiente "Pisco Montano" di Terracina e l'Ente Parco della Riviera d'Ulisse, che da sempre si adoperano per la protezione e la tutela della flora e della fauna di tutte le specie dell'Agropontino".