Si è avvalso della facoltà di non rispondere l'indiano di 40 anni accusato di maltrattamenti in famiglia, fermato in preda ai fumi dell'alcol la scorsa settimana grazie alla coraggiosa telefonata fatta dal figlio di dieci anni al centralino della polizia.

Stando alle indagini condotte dagli agenti del commissariato di Terracina, l'uomo da tempo maltrattava la moglie, costringendola a umiliazioni e a subire percosse, davanti al figlio che viveva, come la mamma, in un clima di terrore.

L'uomo è stato sottoposto al divieto di avvicinamento, mentre la donna e il bambino sono tutelati in una località protetta. Oggi l'uomo non ha risposto alle domande.

Deve rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia aggravati dall'ubriachezza abituale.

Lo hanno fermato subito dopo l'ennesimo episodio di violenza nei confronti della moglie e del figlio di 10 anni. L'uomo, un cittadino indiano di 40 anni, era ancora in preda ai fumi dell'alcol ed è stato denunciato in stato di libertà per i reati di maltrattamenti in famiglia e resistenza a pubblico ufficiale. A dare l'allarme è stato proprio il bambino che ha chiesto aiuto dando l'esatta ubicazione della propria abitazione, a Terracina, dove sono intervenuti i poliziotti del commissariato locale. 

Il tempestivo intervento degli Agenti ha consentito di accertare la veridicità della segnalazione. Infatti la donna ed il bambino erano in strada, a seguito dell'ennesimo episodio di maltrattamenti subiti dal congiunto. L'uomo invece si trovava all'interno dell'abitazione, in preda ai fumi dell'alcool. Dopo essersi ripreso ha opposto resistenza ai poliziotti  cercando di sottrarsi all'identificazione.

La donna, a causa delle percosse subite, veniva fatta accompagnare presso l'ospedale di Terracina, ove le venivano riscontrate lesioni personali, mentre il bambino, provato oltremodo dalla vicenda, è stato ristorato ed assistito dagli Agenti. Da quanto ricostruito dagli operanti, la storia di maltrattamenti e violenze domestiche sarebbe andata avanti da diversi mesi, ogni volta per futili motivi o a causa dell'abuso dell'uomo di bevande alcoliche. A seguito dell'ultimo episodio la donna ha finalmente formalizzato una denuncia nei confronti del congiunto, ripercorrendo i singoli episodi che l'hanno vista vittima insieme al bambino.

di: La Redazione