Nel  corso della notte scorsa, a seguito di servizi di controllo del territorio predisposti dalla compagnia di Formia, i carabinieri hanno arrestato  S.U.,  26 anni, residente a Piazzola di Nola (Napoli), e T.A., 42 anni, residente a San Felice a Cancello (Caserta), in quanto a Formia, precisamente in via Vitruvio, avvicinavano un gruppo di giovani, tra cui alcuni minorenni, e con le mani nelle tasche dei giubbotti, simulando verosimilmente il possesso di un’arma, intimando loro di consegnare i telefoni cellulari. I ragazzi impauriti si dileguavano, ed avvisavano il 112 dell’accaduto. I militari rintracciavano la donna poco distante dal luogo del reato e subito dopo l’uomo presso la locale stazione ferroviaria, già a bordo di un treno diretto a Napoli.  Gli arrestati sono stati quindi tradotti presso la casa circondariale di Cassino e Roma Rebibbia.

Nel medesimo contesto operativo sono stati denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti due giovani, il primo, sorpreso alla guida della propria autovettura  sotto l’influsso di cannabinoidi e il secondo  sorpreso sempre alla guida della propria auto sotto l’influsso di cannabinoidi, oppiacei e cocaina. Venivano inoltre segnalate alle competenti Prefetture, per uso di sostanze stupefacenti, altre due persone che, sottoposte a perquisizione personale, venivano  trovati in possesso di un grammo di hashish e marijuana.

I carabinieri della tenenza di Gaeta, inoltre, proponevano per un rimpatrio con foglio di via obbligatorio due giovani, di nazionalità rumena, domiciliati in Aprilia presso il campo nomadi,  perché intercettati in via Indipendenza mentre si aggiravano con fare circospetto e che tentavano di dileguarsi lungo le vie adiacenti alla vista dei militari, senza giustificare la loro presenza sul posto.

Controllati  infine 55 autoveicoli, identificate 42 persone, elevate 7 contravvenzione al codice della strada, di cui 4 per uso del telefonino, ritirate 4 di patenti di guida, e controllate 10 persone sottoposte agli arresti domiciliari.