Parte da Sermoneta il Movimento dei Democratici e dei Progressisti sui Monti Lepini. A proporre l’adesione è Antonio Scarsella, consigliere comunale dell’ex ducato Caetani e personaggio storico della sinistra pontina. Scarsella si richiama Enrico Berlinguer: «La questione morale esiste da tempo, ma ormai essa è diventata la questione politica prima ed essenziale perché dalla sua soluzione dipende la ripresa di fiducia nelle istituzioni. I partiti di oggi sono soprattutto macchine di potere e di clientela. Pensiamo che il tipo di sviluppo economico e sociale capitalistico sia causa di gravi distorsioni, di immensi costi e disparità sociali, di enormi sprechi. Se i giovani si organizzano, si impadroniscono di ogni ramo del sapere e lottano con i lavoratori e con gli oppressi, non c'è più scampo per un vecchio ordine fondato sul privilegio e sull'ingiustizia. Ci si salva e si va avanti se si agisce insieme e non solo uno per uno».

Poi, di suo sintetizza: «Ci si salva solo insieme. Penso dunque che sia il momento di lasciare le logiche della attuale politica e contribuire a far nascere un ‘politica nuova’, che parta dal basso e dai valori unificanti della Costituzione».