E' stata celebrata ieri, nelle aule del Tribunale civile di Velletri, l'udienza relativa alla presunta ineleggibilità del sindaco di Nettuno, Angelo Casto.

Innanzi al collegio giudicante, gli avvocati delle parti - Stefano Bertollini per i ricorrenti e Guido Fiorillo (assessore nella Giunta nettunese a 5 Stelle) per Casto - hanno esposto le loro tesi.

Bertollini, dal canto suo, ha anche aggiunto la posizione di Casto resa pubblica in occasione del voto per la Città Metropolitana, quando si dichiarò incompatibile - dopo esser risultato eletto - con la carica di consigliere metropolitano.

Secondo Fiorillo, invece, non sussiste alcun presupposto che renda Casto ineleggibile.

I giudici, adesso, hanno concesso altri venti giorni per depositare integrazioni o memorie; dopodiché, si prenderanno altro tempo per emettere la sentenza.