Sono iniziati questo pomeriggio i confronti organizzati dal comitato per il voto consapevole e Latina Oggi in vista dell'appuntamento col Referendum Costituzionale del 4 dicembre prossimo. In ogni serata si confronteranno un sostenitore del Sì alla Riforma e un sostenitore del No. A rompere il ghiaccio, questa sera, è toccato al senatore di Forza Italia Claudio Fazzone (schierato con il No) e al deputato Federico Fauttilli di Centro democratico (schierato con il Sì). A moderare il dibattito è stato il direttore di Latina Oggi Alessandro Panigutti, mentre l'onorevole Stefano Zappalà ha introdotto la serata spiegando i perché di questi confronti, finalizzati a garantire alla cittadinanza una comprensione migliore del tema per il quale si andrà al voto. Entrambi i protagonisti sono stati molto precisi nell'esposizione delle loro ragioni a sostegno del Sì e del No. Secondo il senatore Claudio Fazzone "questa Riforma non garantisce un ammodernamento del Paese, è confusionaria e rischia di creare difficoltà di attribuzione delle funzioni tra Stato e Regioni. E poi, considerando il combinato con la legge elettorale, sarà anche peggio". Dall'altra parte, Fauttilli ha invece difeso le modifiche, sottolineando "la semplificazione delle regole con una sola Camera che farà le leggi. Inoltre avremo meno parlamentari e sistema più veloce per l'approvazione delle leggi".

Prossimo appuntamento il 29 ottobre con Stelio Mangiameli, Direttore Istituto di Studi sui Sistemi Regionali Federali sulle Autonomie, che spiegherà le novità della Riforma.