Non smette di riservare sorprese la lunga giornata di audizioni in Consiglio comunale per gli assessori della giunta Coletta, impegnati a illustrare all'aula i contenuti del Documento unico di Programmazione. Poco fa è toccato all'assessore all'Urbanistica Gianfranco Buttarelli che ha messo in fila alcuni dei temi più importanti del proprio assessorato, arrivando in modo particolare a parlare delle scelte di programmazione urbanistica dell'amministrazione. Inevitabile, in questo senso, parlare dei Piani particolareggiati annullati dal commissario Giacomo Barbato. E qui Buttarelli ha sganciato quella che potrebbe diventare una vera "bomba": "La soluzione che personalmente caldeggio è quella di portarli in Consiglio per approvarli come varianti al Piano regolatore generale. Non possiamo rinviare, negare: serve continuità nella programmazione del territorio. Possiamo però anche approvarli in giunta come Ppe eliminando tutte quelle anomalie che hanno portato all'annullamento. Di certo non butteremo tutto il lavoro svolto".

Un passaggio anche sulla questione attuale del cimitero comunale. "Il cimitero non può crescere all'infinito - ha detto l'assessore Buttarelli -  Auspico che non vi siano strumentalizzazioni sulla questione. Una salma che occupa un loculo da 50 anni lo deve abbandonare. È la legge che lo dice".