Ladri in azione nelle ultime ore nel capoluogo pontino. E’ stato un fine settimana da dimenticare o meglio da incubo per alcuni residenti di via Geminiani che hanno dovuto fare i conti con i raid dei soliti ignoti. Questa volta sono stati presi di mira alcuni garage e i ladri hanno portato via anche una vettura. Come spesso accade nelle zone periferiche. C’è da aggiungere che sono sensibilmente aumentati rispetto al passato i furti di biciclette che vengono rubate e poi piazzate su un mercato parallelo. Proprio questo fenomeno sembra essere in sensibile crescita rispetto al passato e a due anni fa.
Ma non è stato l’unico furto che è stato denunciato: in via Palestro, una strada che si trova in centro a poca distanza da via Villafranca, una banda è entrata in azione nel cuore della notte ed è riuscita ad entrare in una abitazione. I ladri hanno preso 4500 euro e materiale elettrico. Ai proprietari quando hanno fatto l’amara scoperta non è restato altro che presentare una denuncia di furto contro ignoti dopo un accurato sopralluogo eseguito dagli agenti della Squadra Volante.
I ladri sono tornati in azione anche negli istituti scolastici e nella notte hanno preso di mira il Vittorio Veneto, lo storico istituto di viale Mazzini è finito al centro di una vera e propria scorribanda. La gang è riuscita ad entrare da una delle ale dell’edificio ricavando un varco nell’ala che ospita la succursale del Manzoni. In questo caso, come è accaduto anche in passato, la gang ha concentrato la propria attenzione sui distributori automatici di snack e bevande prendendo i soldi che erano contenuti e danneggiando le macchinette. Sono stati i carabinieri del Comando Provinciale ad eseguire in questo caso un sopralluogo e la firma sul colpo sembra essere di una gang straniera, entrata in azione già nelle scorse settimane e sempre con lo stesso modus operandi. Infine nei giorni scorsi è stato registrato un altro episodio di microcriminalità, una donna infatti è rimasta vittima della truffa delle chiavi. L’episodio è avvenuto in una traversa di via Isonzo, quando un uomo molto distinto le ha fatto notare che alla signora le erano cadute le chiavi a terra a quel punto un complice ha preso la borsa della donna che era sul sedile dell’auto e ha fatto perdere le tracce. All’interno c’erano circa 400 euro e poi effetti personali. Questo genere di truffe sono state messe a segno con una certa frequenza nel capoluogo pontino e ad agire sono due uomini all’apparenza distinti e con grande sangue freddo. Le forze dell’ordine invitano alla prudenza e in caso di persone sospette di fare una segnalazione per un pronto intervento.