L’udienza fissata per domani davanti ai giudici del Tribunale del Riesame per la discussione delle impugnazioni difensive sarà il banco di prova per la tenuta dell’ordinanza di custodia cautelare del Gip Mara Mattioli, provvedimento che ha portato all’arresto di 16 persone accusate di far parte a vario titolo di tre distinte associazioni per delinquere il cui fine ultimo sarebbe stato quello di sovrapporsi, attraverso la commissione di reati come l’abuso d’ufficio, il falso e reati in materia urbanistica, al programma politico amministrativo del Comune di Latina, fino a permearlo quasi completamente.
E’ proprio l’ipotesi associativa il bersaglio preso di mira dai difensori degli indagati, secondo i quali la contestazione dell’associazione per delinquere sarebbe soltanto una ipotesi, peraltro sprovvista degli elementi indiziari capaci di dimostrare che gli indagati fossero stabilmente inseriti in un contesto criminoso, con ruoli precisi e scopi programmatici ben definiti e individuabili nel tempo.

Articolo completo e approfondimenti ora in edicola con Latina Oggi