E’ un po’ il giorno del giudizio quello che aspetta i sindaci dell’Ato4 che martedì si riuniscono per approvare due punti in agenda. Il primo è quello più delicato e riguarda la valutazione tecnica dell’eventuale diritto di prelazione che i sindaci possono esercitare nel processo di alienazione delle quote di Acqualatina spa. Per verificare se sussiste questa opzione verrà formalmente affidato l’incarico all’avvocato Alberto Lucarelli che si è già occupato della ripubblicizzazione del servizio idrico a Napoli. Sarà lui a stabilire cosa debbono o possono fare i soci pubblici che oggi detengono il 51% delle azioni per prendersi anche il restante 49% e quanto costerà questa operazione. Il secondo punto riguarda invece la proposta tariffaria per il 2016 ad integrazione o annullamento parziale o totale di quella presentata da Acqualatina spa a giugno scorso e che prevedeva un incremento medio dell’otto per cento sulla bolletta.

L'articolo completo in edicola su Latina Oggi (18 dicembre 2016)