A seguito delle elezioni provinciali che si sono svolte ieri, 8 gennaio 2017, l’ufficio elettorale istituito presso la Provincia di Latina ha provveduto questa mattina all’assegnazione dei seggi e alla conseguente proclamazione degli eletti. (Si ricorda che la ripartizione dei seggi avviene in base al calcolo dei voti ponderati come previsto dalla legge Delrio) 

Il nuovo Consiglio Provinciale di Latina risulta così composto:

Partito Democratico – Voti 25.391,903 – 27,01%

 

3 seggi: Giovanni Bernasconi (6.253,330 voti)

                Roberto Antonini (5.102,755 voti)

                Gerardo Stefanelli (5.053,263 voti)

 

(Non eletti in ordine di preferenze: Vincenzo Giovannini, Ernesto Schiano, Aurelio Alessandroni, Erica Marsella, Franca Petroni)

 

Provinciaviva – Voti 24.720,529 – 26,29%

 

3 seggi: Patrizio Avelli (6.064,469 voti)

                Pasquale Cardillo Cupo (5.312,353 voti)

                Giovanni Trani (3.459,863 voti)

 

(Non eletti in ordine di preferenze: Giovanni Giarola, Vincenzo La Pegna, Matteo Adinolfi, Gianni Celani, Raimondo Tiero, Giuseppe Cece, Sinibaldo Roscioli, Giuseppe Matarazzo, Marco Vento)

 

Civiche Pontine – Voti 24.381,577 – 25,93%

 

3 seggi: Massimo Di Trento (7.259,531 voti)

                Maria Ciolfi (6.091,400 voti)

                Pasquale De Maio (5.290,030 voti)

 

(Non eletti in ordine di preferenze: Luca Iudicone, Luciano Magnanti, Maria Innamorato, Fabio D’Achille, Valeria Campagna)

 

Forza Italia – Voti 19.520,362 – 20,76%

 

3 seggi: Vincenzo Carnevale (5.650,700 voti)

                Giovanna Miele (3.616,061 voti)

                Gianluca Taddeo (3.426,607 voti)

 

(Non eletti in ordine di preferenze: Andrea Di Biase, Angelo Magliozzi, Alessio Pacione, Roberto Zannella, Giovan Battista Moraldo, Antonello Merolla, Tommaso Del Ferraro, Sandro Pongelli, Paolo Torelli)

 Dichiarazione presidente Della Penna: “La Provincia di Latina riparte da questo Consiglio e lo fa in un momento delicatissimo soprattutto dopo l’esito del referendum. Il lavoro da fare è tanto e non ho dubbi che i consiglieri, così come è accaduto negli ultimi due anni, metteranno a disposizione la loro esperienza e il loro entusiasmo per consentire all’ente di ripartire dopo due anni difficili che ci​ hanno visto impegnati nell’applicazione di una riforma che, come noto, ha messo in difficoltà le Province soprattutto sul piano finanziario. Nonostante queste difficoltà, in questi due anni, l'amministrazione è riuscita a garantire servizi all’altezza di un ente che ha grandi capacità e professionalità e che siamo riusciti a preservare e continuare a mettere a servizio della collettività. Ai nuovi consiglieri provinciali voglio fare i più sinceri auguri di buon lavoro certa che potrò contare sull’impegno di amministratori capaci e che hanno a cuore, come me, il nostro territorio”.