Si è spento nella notte tra venerdì e sabato, all’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, Quintino Carissimo, 59enne professore che lo scorso 9 gennaio aveva avuto un incidente in via Piagge Marine. Una prima ricostruzione di quella mattina aveva fatto ipotizzare che l’uomo, professore di matematica all’istituto tecnico commerciale “Corradini”, oggi “Pacifici e De Magistris”, avesse avuto un malore che gli avrebbe fatto perdere i sensi e rovinare pesantemente addosso a una vettura posteggiata proprio di fronte alla banca, a quale decina di metri dalle scuole elementari. Immediatamente soccorso dai presenti, per l’uomo si rendeva necessario un trasferimento d’urgenza al Santa Maria Goretti, dove gli venivano riscontrate diverse ferite inizialmente riconducibili all’urto con la vettura, tra le quali un vistoso ematoma alla testa e diverse costole fratturate. Nel corso delle settimane, i sanitari hanno cercato in tutti i modi di salvargli la vita, opera resa inutile da un repentino aggravamento che lo ha portato alla morte. Proprio l’incertezza sulla dinamica dell’episodio ha spinto la famiglia del professore, molto noto in città anche per la sua esperienza politica che, nel 1997, lo aveva portato a candidarsi (raccogliendo circa il 9% dei consensi ed entrando in Consiglio comunale) alla carica di sindaco con una lista civica di sinistra, a presentare una formale denuncia verso ignoti.

L'articolo completo in edicola con Latina Oggi (Domenica 29 gennaio)