Due donne vittime di stalking, la polizia avvia le indagini e arrivano anche i provvedimenti. Storie che arrivano da Terracina  dove nei giorni scorsi gli Agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Terracina hanno notificato due Ammonimenti del Questore di Latina, per i comportamenti persecutori contemplati dalla normativa sullo stalking, per due distinti fatti che hanno visto vittime una giovane donna e un’anziana signora.

Nel primo caso, gli Agenti hanno ricostruito le vicende legate agli atti persecutori subiti da una giovane terracinese da parte di un giovane frequentatore della stessa palestra in cui questa si recava.

In un primo momento il ragazzo aveva cominciato a corteggiarla, in seguito, constatato il categorico rifiuto della ragazza, aveva cominciato a seguirla e, reperito il suo numero di telefono, a tempestarla di messaggi e di dichiarazioni di un amore non corrisposto.  Fatti questi che generavano nella vittima un perdurante stato di ansia e ne limitavano la propria libertà di movimento e di vita sociale.

In occasione di uno di questi pedinamenti, il giovane “stalker” si era avvicinato alla ragazza e dopo averla afferrata per un braccio l’aveva aggredita spingendola contro un muro. Fortunatamente un passante, che aveva assistito alla scena, riusciva ad evitare il peggio facendola salire in auto e accompagnandola presso il Commissariato di Terracina ove la ragazza si determinava a raccontare agli Agenti quanto le stava accadendo formalizzando la richiesta di ammonimento.

Nel secondo caso, trattato dagli Agenti della Squadra Anticrimine del Commissariato di Terracina, ad esito di attività istruttoria si è giunti a notificare l’Ammonimento per stalking emesso dal Questore di Latina nei confronti di un settantenne che molestava e picchiava l’ex coniuge. Lo sfondo di questa storia è costituito dalla precarietà delle condizioni economiche che, dopo la separazione, non hanno consentito agli ex coniugi di andare a vivere in abitazioni distinte. Il Giudice infatti non potendo valutare concrete alternative aveva assegnato a ciascuno dei predetti un piano di uno stesso stabile. Proprio tale vicinanza aveva impedito alla donna di sottrarsi ai continui soprusi, vessazioni e umiliazioni che l’uomo le aveva riservato giungendo anche a picchiarla.

Anche in questo caso gli investigatori  appuravano la fondatezza delle condotte persecutorie riferite dalla vittima che sfociavano nel Provvedimento di Ammonimento per  stalking emesso dal Questore di Latina.