E' tornato in libertà e ha lasciato gli arresti domiciliari l'imprenditore di Nettuno Mauro Ferrazzano, indagato nell'operazione Tiberio e che in un primo momento era finito in carcere. Il gip del Tribunale di Latina Giuseppe Cario ha accolto la richiesta dei difensori dell'indagato dopo che Ferrazzano era stato ascoltato dal pm Valerio De Luca rendendo delle dichiarazioni confessorie che avevano chiamato in causa anche gli altri arrestati offrendo degli elementi nuovi nell'inchiesta. Secondo il magistrato che ha emesso l'ordinanza di custodia cautelare, non sussistono le esigenze per la detenzione che si sono attenuate anche per le dichiarazioni confessorie e le chiamate di correo ha sostenuto il gip. L'operazione Tiberio, condotta dai carabinieri del Nucleo Investigativo e dal pm Valerio De Luca, aveva portato all'arresto lo scorso 16 gennaio anche dell'ex sindaco di Sperlonga Armando Cusani. I reati contestati a vario titolo sono quelli di associazione a delinquere e poi anche turbativa d'asta e corruzione.