Emergono nuovi particolare sulla tragedia consumatasi questa mattina al porto di Terracina, dove un giovane è stato trovato privo di vita. Ad annegare il 25enne F.P., originario della Campania ma residente in città. Una vicenda su cui la Procura di Latina ha ora aperto un'inchiesta.

Alle ore 8.20 è stata fatta una segnalazione telefonica alla sala operativa della Guardia Costiera di Terracina da parte di un pescatore professionale locale, il quale ha riferito, fanno sapere dalla Capitaneria, in maniera concitata la presenza di una persona immobile in mare, all’interno del porto, all’altezza del cantiere navale. Sul posto sono accorsi i militari, muniti di salvagente anulare e cima per eseguire il recupero, i quali hanno subito visto un corpo immobile e semisommerso, a circa quattro metri dalla banchina. L'uomo è stato così subito recuperato con l’ausilio del battello della Guardia Costiera e portato agli ormeggi delle unità militari, in attesa dell’intervento del personale medico 118, nel frattempo contattato. Il personale sanitario, giunto con l'automedica, è salito a bordo del battello ed ha proceduto ad effettuare gli accertamenti di rito, constatando il decesso per annegamento senza evidenti segni di violenza. La salma è stata quindi sbarcata in attesa dei familiari per il formale riconoscimento, per poi essere affidata ad una locale ditta di onoranze funebri per il successivo trasferimento presso l’obitorio dell’ospedale di Latina, dove il 20 marzo verrà effettuato l’esame autoptico, così come disposto dalla competente Procura della Repubblica di Latina. Sono in corso gli accertamenti per ricostruire la dinamica dell’accaduto.