«In qualità di vice presidente del Consiglio Autonomie Locali del Lazio ritengo doveroso precisare che, a seguito dell'incontro tenutosi il 9 luglio in presenza delle Associazioni di rappresentanza dei Comuni, nessun via libera ufficiale è stato dato dal Cal Lazio alla discussione direttamente in Aula alla Pisana della Legge Regionale 200: 'Sviluppo e Valorizzazione dei Piccoli Comuni', erroneamente annunciata in un comunicato stampa del gruppo regionale del MoVimento 5 Stelle».

Si apre così la nota inviata oggi alla stampa da Luisa Piacentini, vice presidente del Cal del Lazio, che ha voluto mettere nero su bianco il proprio punto di vista rispetto a un argomento importante come quello legato alla cosiddetta "Legge sui Piccoli Comuni".

«E' mia convinzione che si debba assolutamente rispettare la procedura istituzionale che prevede il passaggio del testo normativo nella Prima Commissione Regionale Affari Costituzionali e Statuari per l'audizione di sindaci, amministratori locali, associazioni delle Autonomie Locali in rappresentanza delle istanze dei territori. Non è il caso di fare precipitose fughe in avanti, tanto per far credere di aver fatto qualcosa. Il punto è garantire maggiori possibilità di sviluppo ai cittadini di 254 piccoli Comuni del Lazio. Questa proposta di legge, a mio avviso assolutamente necessaria, è già molto buona - ha aggiunto Piacentini -, ma può essere migliorata e soprattutto aggiornata. Ricordiamo infatti che sono trascorsi molti anni da quando nel 2013 fu presentata la prima stesura, ripresa poi da alcuni consiglieri del MoVimento 5 Stelle e riproposta nel 2019. Crediamo inoltre che il testo debba essere rivisto anche in considerazione dell'emergenza Covid-19 e delle sue pesanti ricadute su produzione, economia e sistema sociale».