"Ho chiesto al Segretario generale di fornirmi le trascrizioni dell'intervento del consigliere Del Prete sull'ultimo punto all'ordine del giorno. Farò vagliare attentamente ai miei avvocati queste sue dichiarazioni pubbliche per capire se ci sono gli estremi per una querela. Intanto posso già dire che, se si è trattata solo di una polemica politica, è stata tra quelle più infime e becere che io abbia mai ascoltato". Parole del sindaco di Cisterna, Mauro Carturan, a margine del Consiglio comunale di oggi pomeriggio, dove lo stesso primo cittadino ha annunciato le sue dimissioni per il "clima polemico" che si respira in Aula. Dimissioni che dovranno ora essere confermate o ritirate entro i successivi 20 giorni dalla data di presentazione.

L'Assise si è riunita questa mattina per una seduta fiume e infuocata fin dalle prime battute, iniziata con l'assessore Gildo Di Candilo che ha annunciato anche lui - per primo - le sue dimissioni, rimettendo nelle mani di Carturan la delega al Bilancio dopo il rinvio del punto relativo all'approvazione del Rendiconto di Gestione.

In questa giornata particolarmente accesa è tornato in assise Alfredo Cassetti, subentrato come Consigliere comunale a Simonetta Antenucci,- oggi presentata come assessore alla Pubblica Istruzione insieme al neo delegato al Commercio, Franco Arru. Inoltre, Mauro Contarino ha ufficializzato il sui ingresso nella Lega.

Il confronto in aula fra maggioranza ed opposizione è stato subito sollecitato (alle 10:30) dalle interrogazioni consiliari, numerose come sempre, che oggi hanno riguardato più ampiamente le questioni legate agli impianti sportivi e la sicurezza nelle manifestazioni pubbliche in Centro.

Il sindaco di Cisterna di Latina, Mauro Carturan, ha deciso di dimettersi durante il Consiglio comunale di oggi. Momenti di tensione politica, infatti, hanno caratterizzato l'assise, soprattutto nella parte riguardante il progetto di riqualificazione della ex Manifatture del Circeo con parco commerciale e naturalistico a ridosso della Pontina.

Nell'ambito della discussione, soprattutto alla luce di quanto dichiarato dal consigliere Del Prete, il sindaco ha tuonato: "Le dimissioni le ho date pubblicamente e hanno valore ufficialmente da oggi e sono valide, il 9 agosto deciderò se ritirarle o meno - ha affermato in assise -. Se poi avrete bisogno il 3 agosto di venire a votare affinché l'amministrazione non cada prima sarò a disposizione". Poi ha lasciato l'aula.

L'assise già aveva vissuto nella parte iniziale uno scossone con le dimissioni dell'assessore al Bilancio Gildo Di Candilo in quanto il punto riguardante l'approvazione del Rendiconto 2019, dopo la lettura della relazione da parte dell'assessore stesso, è stato ritirato su richiesta del sindaco dopo che la minoranza aveva registrato presunte anomalie sui conti con una contro-relazione a firma del gruppo civico Innamorato-Pd. A quel punto l'assessore, vedendosi rinviato il punto al 3 agosto, ha detto: "Mi prendo le responsabilità, anche se non mie, di questa scelta rimetto il mandato nelle mani del sindaco".

di: La Redazione