Si è tenuto questa mattina, in Comune, l'incontro tra il sindaco Damiano Coletta e l'assessore alle Attività Produttive Simona Lepori, al centro di un acceso dibattito a causa delle denunce avanzate da alcune dipendenti del Park Hotel rivolte al sindacato. Le dipendenti, infatti, denunciavano di aver ricevuto buste paga senza traccia del lavoro che stavano svolgendo nell'hotel che risulta essere attività di famiglia dell'assessore, anche se quest'ultimo ha dichiarato che l'intera gestione è affidata al fratello.

A margine dell'incontro, il sindaco Damiano Coletta le ha rinnovato la massima fiducia, anche a nome di tutta la Giunta comunale. «Non c'è mai stato alcun dubbio – dichiara il Sindaco – né da parte mia, né da parte degli altri componenti di questa Amministrazione, sull'integrità morale dell'Assessora Lepori che gode della nostra stima. Confidiamo tutti che sarà in grado di dimostrare di aver sempre agito correttamente e andiamo avanti senza indugi, come sempre pensando al bene della città».

«Non chiedo di essere accusata né di essere assolta da alcun tribunale politico cittadino – ha osservato l'Assessora Lepori –. Posso solo dire che a fine mese ci sarà l'incontro nell'ambito del quale verrà effettuato il tentativo di conciliazione, come è prassi in simili vicende. Quella è l'unica sede in cui si valuterà se l'azienda da me rappresentata ha applicato dei comportamenti contrari alle norme di legge ed eventualmente la gravità degli stessi. Non ci sono altri tribunali autorizzati a farlo, chiedo rispetto e soprattutto chiedo che chiunque altro non sia deputato a giudicare, si astenga dal farlo».