"Vuole vederci chiaro l'opposizione consiliare a Fondi, e pretende che l'amministrazione comunale chiarisca la sua posizione e la questione che in queste ore ha allarmato la cittadinanza". Così i consiglieri Franco Cardinale, Francesco Ciccone, Tiziana Lippa, Stefano Marcucci, Luigi Parisella, Salvatore Venditti e Luigi Vocella commentano quanto emerso recentemente in merito ad un nuovo deposito per rifiuti in città, che l'amministrazione ha definito un impianto biologico-meccanico anziché una vera e propria discarica.

"A seguito delle notizie diffuse sull'individuazione di due siti per lo stoccaggio dei rifiuti in Provincia di Latina, uno dei quali ricadente sul territorio del Comune di Fondi, in assenza di qualsiasi comunicazione ufficiale da parte dell'ente, i consiglieri di opposizione, ai sensi dell'art. 21 del Regolamento degli Organi, hanno chiesto nel pomeriggio di ieri (21 Gennaio) la convocazione urgente di un Consiglio Comunale Straordinario. Come disposto dal Regolamento degli Organi (art. 33, comma 2), la richiesta è stata indirizzata al primo cittadino ed al Presidente della massima assise, che dovranno pertanto procedere alla convocazione della seduta straordinaria di Consiglio Comunale con la massima urgenza. Il punto proposto all'Ordine del Giorno sarà esplicito ed inequivocabile: relazione del Sindaco sull'individuazione di un sito per stoccaggio rifiuti nel territorio comunale e decisione del consiglio comunale in merito. Nel frattempo le forze di opposizione continueranno il loro lavoro di verifica e controllo dell'azione amministrativa, con l'obiettivo di riportare un messaggio chiaro alla città e tranquillizzare tutti coloro che stanno mostrando preoccupazione e forti perplessità sull'eventualità che Fondi possa ospitare questa struttura. L'Opposizione consiliare si farà portavoce del dissenso di tutta la Città verso una proposta scellerata, che rappresenta una grave offesa al nostro territorio quotidianamente privato di servizi essenziali a fronte di proposte che nessun altro Comune vuole accettare".