"Sono ben felice di apprendere che l'amministrazione comunale di Latina nelle persone del sindaco e assessore alle Attività produttive abbia accolto il mio suggerimento e invito agli uffici di verificare la fattibilita' concreta di attuare la circolare del Ministero delle Finanze n. 326 / del 1997 e quindi chiedere alla Prefettura la possibilità per i ristoratori della città di attivare un servizio mensa convenzionato con partite iva, così da avere un po' di respiro dalle restrizioni per l'emergenza Coronavirus".  Lo afferma in una nota la consigliera comunale del Laboratorio Identità Futuro Giovanna Miele

La nota ministeriale mi era stata inviata da un esercente e il mio impegno è stato quello di collaborare con le istituzioni preposte per poter dare risposte certe e venire incontro alle esigenze dei lavoratori tutti nel rispetto delle norme. Cosi è stato da parte degli uffici comunali che hanno immediatamente allertato tutte le autorità competenti a rispondere in merito alla questione. Non credevo si dovesse dare pubblicità alla questione perché lo spirito che mi ha mosso era quello con cui giornalmente mi adopero come cittadina e politico, ma dopo la lettura del comunicato dell'ente mi sento in dovere di ringraziare il Comune di Latina, il sindaco, l'assessore Lepori per aver accolto e fatto proprio il mio suggerimento. Giusto lo spirito di collaborazione quando in sinergia si riesce ad essere vicini alla nostra comunità. Sono convinta che sia necessario fare il possibile per sostenere gli esercenti della città di Latina e non solo, visto il momento di grande difficoltà che tutti stiamo vivendo. Il settore della ristorazione e quello dei bar sono pesantemente colpiti e le stesse associazioni di categoria ci dicono che i ristori del Governo non sono sufficienti.

Questo significa che, quando un giorno ci lasceremo alle spalle la Pandemia, rischiamo di ritrovarci delle macerie di natura economica e sociale che non potranno essere affrontate con ristori o sussidi. E' un pericolo concreto e se non facciamo qualcosa ci ritroveremo in difficoltà addiritttura peggiori di queste.