Alla vigilia del Consiglio comunale, in una lettera aperta il Sindaco Carturan rivolge un appello alla sua Maggioranza.

"Ho cercato in questi giorni di analizzare il trascorso della consiliatura – scrive il Primo cittadino -. Circa due anni e mezzo di mandato densi di emozioni e motivazioni forti, di voglia di riscatto per la nostra città e, lo ammetto, anche di rivincita personale. Un periodo in cui non sono mancati malumori e contrasti tra me e le persone con le quali sto condividendo questo percorso. Incomprensioni spesso tramutatesi in dualismi e personalismi, alimentate sempre dalla voglia di fare (a modo proprio) il meglio per la città.

In tutto questo credo che - a ragione delle vicissitudini ormai note, per mio errore e soprattutto per la mia presenza intervallata causata della stanchezza fisica che mi tiene ostaggio in alcune giornate - qualcosa mi sia sfuggita di mano. Qualcosa di importante che oggi mette in discussione il mio operato e il senso di responsabilità di un'intera Amministrazione della quale però, in quanto sindaco, sono sempre e comunque responsabile. Il senso di responsabilità è stato a volte sopraffatto da malcontento e gelosie. Atteggiamenti generalizzati che mi hanno indotto nell'errore di infliggere la punizione anche quando non era necessaria. In piena consapevolezza dunque, mi sento oggi di rivolgere un appello a tutte quelle persone che ancora siedono al mio fianco.

Le invito ad una riflessione profonda e a non lasciare godere ad altri i risultati brillanti di questa amministrazione che nei prossimi mesi raccoglierà i frutti del duro lavoro di ricostruzione svolto fino ad ora da tutti noi. Occorre trovare una quadra per il bene della città che amiamo. Bisogna ricucire i rapporti incrinati, con i gruppi ma anche con i singoli ai quali sarò il primo a rivolgere le mie scuse. Il mio appello al senso di responsabilità lo rivolgo ai due partiti (Lega e FDI) unitamente alle
civiche che compongono la nostra Maggioranza e che insieme sono stati i protagonisti della vittoria elettorale.

Lo rivolgo dunque ai coordinatori Locali Andrea Nardi e Vittorio Sambucci, ai coordinatori provinciali On. Nicola Calandrini e On. Claudio Durigon, affinché prevalga il buon senso e la volontà di proseguire in questo percorso politico iniziato nel 2018. Lo chiedo perché la nostra Cisterna non merita di essere abbandonata in questo momento durissimo, spera invece di essere governata con dignità e certezza, forte della coalizione di centrodestra – conclude Carturan - che ha vinto le elezioni per ben due volte".