"Le istituzioni non abbandonino i lavoratori dell'ipermercato Panorama che dopo oltre 25 anni lascerà Latina. La chiusura del punto vendita del centro commerciale Latina Fiori rischia di avere un forte impatto sull'occupazione, dal momento che per Panorama lavorano almeno un centinaio di dipendenti di Latina e non solo. È necessario che si faccia il possibile affinché non si perdano posti di lavoro". Lo afferma il senatore di Fratelli d'Italia Nicola Calandrini.

"Per questo è importante valutare la possibilità di aprire un tavolo di crisi presso la Regione Lazio ed eventualmente anche presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Inoltre, bisogna agevolare il subentro di un altro marchio che possa non solo occupare gli spazi del centro commerciale Latina Fiori, ma anche assorbire i dipendenti di Panorama che al momento vedono pesanti incertezze sul loro futuro. Non bisogna lasciare nulla di intentato.

La proprietà del centro commerciale, non ho dubbi che ha cuore i risvolti occupazionali di questa "crisi". Adesso bisogna evitare che le lungaggini burocratiche rallentino i processi di insediamento di un nuovo marchio ed eventualmente di riassorbimento della forza lavoro. Infine, ritengo importante riflettere sul caso Panorama. Il fatto che l'ipermercato posizionato nel centro commerciale più grande e probabilmente più frequentato di Latina sia entrato in una crisi che la proprietà ha definito ‘irreversibile', deve far riflettere sulla condizione economica della città. È un campanello di allarme che non va assolutamente sottovaluto, e sul quale tutti, attori politici, economici e sociali, dovrebbero interrogarsi valutando interventi concreti."