La campagna elettorale ha un potere sorprendente: basta iniziare a parlare di appuntamento con le urne per ritrovare la luce dopo intere annate di buio totale. Sono di questo avviso il capogruppo e la consigliera comunale di Fratelli d'Italia, Andrea Marchiella e Matilde Celentano. La considerazione prende spunto dal recente annuncio di Lbc, orgogliosa di aver "strutturato otto comitati territoriali in tutta la città", con tanto di referenti.

 

"L'annuncio dell'attuale maggioranza ci risulta patetico e imbarazzante, perché si ricorre al più scontato degli slogan elettorali tentando di spacciarsi per grandi fautori del principio di centralità e valorizzazione delle periferie. Non si può esprimere soddisfazione per aver strutturato otto comitati con i relativi referenti, guarda caso a pochi mesi dall'appuntamento con le Amministrative. La soddisfazione può arrivare con dei risultati tangibili e mai con buoni propositi e belle parole che spuntano in zona Cesarini. In cinque anni l'Amministrazione ha abbandonato al loro destino borghi e quartieri, ma non siamo noi a dirlo: sono i residenti, con i quali siamo sempre rimasti in contatto garantendo la nostra presenza sul posto e dai quali abbiamo ricevuto innumerevoli segnalazioni regolarmente portate all'attenzione dell'Assise comunale, delle Commissioni e della stampa!".

 

Marchiella e Celentano prendono poi in esame l'argomento dei patti di collaborazione con comitati ed associazioni operanti nelle periferie:

 

"Entrambi abbiamo partecipato attivamente alla stesura di quei patti, contribuendo a definire le modalità da adottare sia per i semplici che per i complessi. Non a caso Fratelli d'Italia ha votato favorevolmente in Consiglio Comunale l'approvazione dell'apposito regolamento come buona parte dei consiglieri di opposizione. Quegli accordi, però, non devono essere intesi come un alibi per le mancanze dell'Amministrazione: hanno assicurato interventi di pulizia e di manutenzione ordinaria grazie al coinvolgimento dei cittadini ma in definitiva sono serviti a scaricare da ogni responsabilità chi sta governando la città. Lbc deve ammettere che i tanto decantati comitati sono sempre esistiti e non sono certo una sua esclusiva. Allo stesso tempo, però, l'attuale maggioranza deve capire che non si avvicinano le periferie al centro di Latina limitandosi alla pulizia delle aree verdi o alla sistemazione di qualche altalena: i borghi rappresentano la nostra Storia e vanno riscoperti e valorizzati recuperando i segni del passato che conservano, introducendo servizi, favorendo le attività in ambito sociale. Di tutto questo abbiamo sempre parlato in questi anni impegnandoci in prima persona, a differenza di chi si limita agli spot elettorali con la presunzione di ingannare dei cittadini dimenticati".