Impegni vari, tra commissioni e ddl Zan hanno fatto saltare il tavolo del centrodestra che avrebbe dovuto indicare il candidato sindaco per Latina. Assicurano poi i maggiorenti di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia che nulla c'entrano gli arresti di ieri mattina.
Ad ogni modo l'incontro è stato nuovamente fissato per oggi, alle ore 12, sempre a Roma. E sarà un mezzogiorno di fuoco, assicurano i diretti interessati. Perché dal conclave stavolta bisognerà uscire col nome del candidato sindaco che aspettare altri giorni è davvero impossibile, visto che il generale Agosto incombe all'orizzonte.

Lo scenario, a livello di nomi, pare sempre il medesimo. Giovanna Miele, Cesare Bruni, Vicenzo Zaccheo, Matilde Celentano, Gianni Lauretti, Alessandro Calvi e anche l'ex arbitro Claudio Gavillucci sarebbero le personalità i cui curriculum sono sul tavolo della coalizione. Ieri si parlava di nomi a sorpresa ma sarebbe difficile presentare una soluzione nuova ad un tavolo che già fa fatica a scegliere tra diverse candidature. La trattativa avrà poi al centro anche altri inevitabili ruoli. In sostanza, essendo tre i partiti principali è probabile che si decida da subito a chi spetti anche il vicesindaco e il presidente del Consiglio. La partita per il sindaco è tra Lega e Fratelli d'Italia; chi non avrà il candidato, avrà la possibilità di indicare un ticket subito, indicando un nome per il vice oppure sceglierlo all'esito delle elezioni, sulla base dei voti presi dai candidati consiglieri. Per la presidenza del Consiglio appare in vantaggio Forza Italia.

Intanto questo ennesimo rinvio indispettisce e non poco gli aspiranti consiglieri comunali che non sanno se e quando far partire la propria campagna elettorale. Saranno infatti loro a dover trainare la carretta e più si avvicina agosto e più diventa difficile immaginare una campagna elettorale intensa. Se poi a questo si aggiungono gli oscuri presagi legati al contagio da Covid, è chiaro come il timore di restare indietro sia altissimo. Soprattutto considerando che quasi tutti gli avversari sono già partiti.