"Fare Latina deve essere un movimento 'di lotta e di governo'. Non si spiega altrimenti la costituzione di un comitato per segnalare i disservizi in Via Epitaffio e Porta Nord". Lo afferma il  consigliere e portavoce comunale di Fratelli d'Italia Gianluca Di Cocco. 

 
"Non contestiamo l'iniziativa dei promotori del comitato, ben venga dare voce ai cittadini, in particolare in una zona periferica e densa di criticità, a partire dall'intenso traffico. È certamente giusto ed opportuno che l'amministrazione sia messa al corrente costantemente dei disagi. 
Però fa sorridere che a creare questo comitato sia proprio il movimento Fare Latina che tramite la consigliera e già candidata a sindaco Annalisa Muzio, è parte organica dell'amministrazione Coletta, lo stesso sindaco che ha evidentemente ignorato le richieste d'ascolto giunte da quel territorio, lasciato in stato di abbandono. Siamo certi che Coletta sia ben consapevole della situazione vissuta dai residenti. Siamo un po' meno certi di cosa voglia fare Fare Latina. Vuole essere maggioranza e opposizione insieme? Dentro il Comune la loro rappresentante Annalisa Muzio è fiera stampella della risicata maggioranza del sindaco, mentre fuori il comune è opposizione integerrima?
Notiamo una forte incongruenza tra chi amministra e i comitati che dovrebbero avere i loro rappresentanti in amministrazione.

Probabilmente dopo una campagna elettorale dove si era presentata come un'alternativa tra il centrodestra e l'amministrazione uscente, Fare Latina ora che ha scelto per convenienza di sostenere Coletta, è in cerca di un'identità perduta.
Suggeriamo a Fare Latina e alla consigliera Muzio di schiarirsi le idee, altrimenti queste iniziative che potrebbero essere lodevoli non sono altro che strumentalizzazione e demagogia".