"Il nuovo report di Legambiente denominato "Mal d'aria di città" monitora il livello d'inquinamento all'interno dei centri urbani. Sono stati messi a confronto i dati dello smog di 102 comuni italiani con quelli suggeriti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e il risultato, per quanto riguarda la nostra città, è allarmante: tra le più inquinate, infatti, nella lista spunta anche il nome di Latina". Lo affermano in una nota i Capigruppo di FDI, Lega e Latina nel Cuore.

 "Dopo aver visto scendere la città all'83° posto nella classifica stilata da "Il Sole 24 Ore" per qualità della vita, adesso siamo costretti a vederla nelle ultime posizioni anche in quella legata ai valori dell'aria. Viene da chiedersi: cosa pensa di fare l'attuale amministrazione per far fronte a questa preoccupante situazione? Un inquinamento di tale livello è innanzitutto riconducibile al traffico cittadino, il quale non solo è mal gestito, ma non si è neanche provveduto a realizzare nuove infrastrutture che possano agevolarne lo scorrimento. La realizzazione di nuove rotatorie permetterebbe di ridurre il livello del traffico e, di conseguenza, l'emissione di sostanze tossiche che creano inquinamento atmosferico. Inoltre, va anche potenziato il sistema di trasporto pubblico, disincentivando i cittadini ad utilizzare i propri mezzi ­– anche attraverso iniziative che promuovano la mobilità sostenibile, dal car-sharing fino alla realizzazione di nuove piste ciclabili. Infine, è necessario dare impulso all'utilizzo del super bonus 110%, la misura di incentivazione del Governo che punta a rendere più sicure ed efficienti le nostre abitazioni (con interventi che possono essere svolti anche a costo zero per il cittadino). Nel corso degli ultimi 5 anni e mezzo abbiamo assistito all'inerzia dell'attuale amministrazione per quanto riguarda progetti e iniziative che potessero migliorare la qualità dell'aria della nostra città: in che posizione deve scendere Latina affinché dal Comune si muova qualcosa?".