Poco importa che l'appoggio di Lega e Fratelli d'Italia sia venuto a mancare, con tre liste l'ex sindaco Maurizio Lucci è pronto alla competizione elettorale. La sua candidatura per la carica di sindaco è ufficiale, una sfida che sarebbe partita molto prima se non fosse stato per gli "indecisi". Ma Lucci ha le idee molto chiare tanto da avere raccolto una serie di adesioni note e meno note che saranno ufficializzate nelle prossime settimane. "La politica è sempre stata la mia passione – esordisce Lucci - mi ha regalato tante soddisfazioni e anche qualche amarezza e come tutte le passioni mi ha fatto commettere qualche errore che ho sempre pagato in prima persona. Amministrare la città di Sabaudia per me è stato un onore, svolto sempre con il massimo rispetto della legalità e orientando la mia attenzione esclusivamente al bene comune. Se mi ritrovo qui oggi a pensare di poter offrire di nuovo il mio contributo di esperienza e maturità, è perché mi sento all'altezza di questo ruolo che richiede innanzitutto conoscenza della macchina amministrativa, capacità gestionale ed esperienza politica". Per lui è tempo di guardare all'esperienza amministrativa ed allo stesso tempo al futuro della città. "Non giudico l'operato dell'ultima amministrazione – prosegue Lucci - questo spetterà all'elettore che si recherà alle urne. Risulta però evidente da quanto emerso, la necessità di scegliere candidati con profili politici e di esperienza amministrativa anche all'interno di liste civiche, in grado di governare le tante situazioni emergenziali, come ad esempio la prossima stagione turistica con annessa la questione del demanio marittimo". La sua coalizione al momento sarà sostenuta dalle civiche "Lucci Sindaco"e "Amare Sabaudia" e poi da una lista di"Coraggio Italia". Non si parla ancora di programma ma dal punto da cui ripartire che è il Comune. "E' indispensabile – prosegue il candidato sindaco - ricostruire la struttura amministrativa ridando fiducia e tranquillità alle persone che operano all'interno del Comune per perseguire l'unica finalità che è l'interesse pubblico e collettivo. Voglio farlo mettendo in campo le mie qualità, capacità ed esperienza amministrativa che, mi si consenta, non sono seconde a quelle di nessuno, formando in un rapporto di fiducia e rispetto un team di persone capaci, volenterose, desiderose di impegnarsi e anche di imparare. La squadra che intendo formare sarà composta da donne e uomini pensanti, libera da condizionamenti, perché amministrare non è comandare ma è un impegno civico, è un servizio per la comunità che porta con sé tanti oneri e doveri di cui intendo farmi carico. Mi assumo la responsabilità di questo nuovo e straordinario progetto che intende restituire lustro a Sabaudia e ai suoi cittadini".