Installazione di barriere di cattura rifiuti alle foci dei corsi d'acqua, predisposizione di strutture di raccolta temporanea rifiuti raccolti volontariamente o accidentalmente in mare, vietare il lancio di palloncini e lanterne. Sono questi alcuni degli impegni presenti nella mozione presentata dal gruppo consiliare della Lega del Comune di Latina.

"Dobbiamo sentirci tutti impegnati e coinvolti nella tutela del mare e dell'ambiente in cui viviamo – dichiara il primo firmatario della Mozione Alessio Pagliari - Se non interveniamo subito, rischiamo di compromettere il futuro delle nuove generazioni. Ricordiamoci che La Terra non è un'eredità ricevuta dai nostri Padri, ma un prestito da restituire ai nostri figli. Per questo il Comune può recepire e mettere in atto una serie di misure previste dalla recente Legge "Salva Mare", insieme ad altre comunque molto importanti, fra cui la possibilità di favorire una maggiore collaborazione con le associazioni ambientaliste per iniziative e campagne di sensibilizzazione ai problemi ambientali. Dal momento che queste tematiche sono trasversali, come ricorda Papa Francesco, nella "Laudato Sì", "Bisogna rafforzare la consapevolezza che siamo una sola famiglia umana. Non ci sono frontiere e barriere politiche o sociali che ci permettano di isolarci, e per ciò stesso non c'è nemmeno spazio per la globalizzazione dell'indifferenza", prima di depositare la mozione – concludono i consiglieri leghisti - lasciamo la possibilità a tutti i colleghi delle altre forze politiche di sottoscriverla, ed auspichiamo possa essere votata all'unanimità e presa come esempio anche da altri comuni e provincie italiane".