Una posizione su quanto sta accadendo in questi giorni a seguito della sentenza del Tar che ha dichiarato decaduti sindaco e consiglio, ma soprattutto una lettera aperta ai cittadini, scritta per dare una speranza a tutti coloro che oramai non credono più nella politica, specialmente in quella locale. Perché non c'è spazio solo per vecchie polarità e contrapposizioni, per la politica delle strumentalizzazioni ma anche per un discorso diverso fondato sulle competenze, sulla programmazione, sulla fiducia in un'alternativa agli scenari attuali. E' il senso dell'intervento della segreteria politica di Azione che propone una lettura politica diversa sugli scenari attuali. «Da molti anni ormai, l'amministrazione comunale di Latina è condizionata da azioni legali e da quelle della magistratura - scrive Azione rappresentata a Latina da Olivier Tassi e Nicoletta Zuliani - A queste si è aggiunta una totale mancanza di visione e programmazione, passando così da emergenza a emergenza. Il risultato è sotto gli occhi di tutti: una città bloccata, priva di progetti che migliorino la qualità dei servizi e di opportunità di sviluppo a medio e lungo termine». Proprio per questo la politica degli estremi non può essere la soluzione. «Crediamo fortemente nella politica delle competenze a servizio del cittadino - scrivono - la nostra non è una posizione "terza", ma è quella in cui il ragionamento ed il pragmatismo prevalgono su schemi vecchi di contrapposizione ideologica e dialettica che nulla hanno che fare con una politica moderna, che affronti i problemi alla radice. La sentenza del TAR ed il conseguente commissariamento, per condurre a votare di nuovo nelle 22 sezioni incriminate, ripropone la situazione di 1 anno fa, dove le alternative sono molto chiare: da un lato c'è quella di una vecchia generazione politica, rappresentata dal centrodestra, che non offre alcuna prospettiva di evoluzione, mentre dall'altra c'è una gestione chiusa nella propria incapacità di produrre soluzioni nel breve, figuriamoci a lungo termine. per Azione la città ha bisogno di una classe dirigente che non produca polarità aggressive e litigiose, ma che con competenza e risolutezza avvìi una nuova fase di crescita della città. «Noi di Azione siamo pronti a dare il nostro contributo - chiosano nel loro appello- riflessione - quando sarà il momento di nuove elezioni, per portare al governo della città persone capaci portatrici di competenze e con progetti concreti per la città. Azione ha già sostenuto lo scorso anno la candidatura a sindaco di Nicoletta Zuliani, diventata nel tempo esponente di punta di Azione, che insieme al capolista Olivier Tassi, Segretario di Azione a Latina, rappresentano un progetto politico dalle provate competenze, che possono dare un contributo importante alla città, promuovendo e sostenendo provvedimenti che incidano concretamente nella vita dei cittadini e producano vantaggi per la comunità tutta, indipendentemente dallo schieramento che li propone».