"Durante gli anni di amministrazione Coletta Latina è finita più volte alla ribalta delle cronache nazionali per demeriti e record in negativo. Dopo aver raggiunto i primi posti di numerose classifiche relative a disservizi, pericoli e mancanze stilate da diverse Associazioni, Enti di Ricerca e Centri Studi, tuttavia, la nostra città continua tristemente ad inanellare pessimi risultati, l'ultimo in ordine cronologico quello legato al tasso di criminalità". Così, in una nota, gli ex consiglieri Matilde Celentano (FdI), Massimiliano Carnevale (Lega) e Dino Iavarone (Lnc).

"Come riporta Numbeo, il più grande database al mondo di informazioni su città e nazioni fornite direttamente dagli utenti, Latina vanta infatti un indice di criminalità di 56.62. I dati di tale sito web sono basati sulle percezioni dei visitatori negli ultimi tre anni: se il valore è 0, significa che è percepito come molto basso, mentre se il valore è 100, significa che è percepito come molto alto. Ebbene, il valore legato al livello di criminalità a Latina è pari a 65.00, con quello relativo ai crimini violenti – come aggressioni e rapine a mano armata – a 52.78, quello dei reati contro il patrimonio – come vandalismo e furti – a 77.50, fino ad arrivare all'87.50 legato a corruzione e concussione. Quasi ogni voce relativa al tasso di criminalità supera dunque la soglia di 50.00 e, a rendere ancora più preoccupante tale scenario, è il fatto che il database è fondato su dati forniti direttamente dagli utenti, coloro che prima ancora di ricercatori e statistici vivono in prima persona la realtà che li circonda – e che quindi hanno esperienza diretta di ciò che accade quotidianamente nel territorio cittadino. Risulta dunque facile intuire quanto essi negli ultimi tre anni non si sentano più al sicuro come in passato, nonostante l'impegno infaticabile e capillare che le Forze dell'Ordine mettono ogni giorno nel presidiare la città e i suoi dintorni. Negli anni di amministrazione targata Coletta Latina è diventata più insicura e pericolosa: sono i cittadini stessi a riportarlo, ma l'ex sindaco e la sua giunta sembrano non essersene mai accorti".