Lo scorso mese di ottobre il Movimento 5 Stelle di Gaeta ha rivolto nuovamente l'attenzione sulla questione relativa all' incompatibilità del vice sindaco e assessore Teodolinda Morini, che tra le deleghe ha quella all' edilizia privata, con riferimento ad una vicenda privata con sospensione dei lavori a seguito di un'ordinanza comunale. I pentastellati hanno ritenuto " necessario agire nelle opportune sedi richiamando un intervento verificatorio del Presidente del Consiglio Comunale e del Segretario Generale, condividendone l'intento con il Prefetto di Latina." A riguardo era stata chiesta espressamente un' azione concreta e una risposta ben motivata, capaci di fare chiarezza e dissipare ogni dubbio. Un riscontro che poi è arrivato ma a quanto parte non ha soddisfatto il Movimento. "Abbiamo ritenuto la risposta del segretario generale ricevuta in data 24/10/2022, il quale sostiene l'assenza di incompatibilità, insoddisfacente, carente di sufficienti passaggi atti a eliminare qualsiasi perplessità e incongrua se riferita alle norme di incompatibilità. Conseguentemente, sottolineando il silenzio del Presidente del Consiglio Comunale, l'ennesimo di un ruolo che dovrebbe essere di garanzia, la scelta più naturale è stata quella di rivolgerci all'Anac tramite un esposto, presentando le nostre osservazioni e la relativa documentazione a carico."

Quindi i 5 Stelle contestato e contenuto nel documento inviato all' Anac. " Pur dovendosi escludere un'incompatibilità automatica delle funzioni di assessore, nel caso di specie appare chiaro che lo svolgimento di tale incarico, e quindi lo svolgimento delle funzioni di controllo e di formulazioni di direttive nei confronti degli organi gestionali (dirigenti), come disciplinate dallo Statuto comunale, comporterebbero un'indebita commistione di funzioni, in spregio ai principi di trasparenza e imparzialità che devono guidare l'azione amministrativa, anche al fine di garantire la separazione tra la fase di preparazione ed esecuzione dei provvedimenti (dirigenti) e quella di valutazione della performance del dirigente (parte politica). In assenza comunque di un'automatica incompatibilità, come previsto dalla norma, spetterebbe all'Amministrazione, in particolare al Sindaco, la valutazione in merito all'attività svolta dall'Assessore al fine di evitare possibili effetti distorsivi e favoritismi prodotti dalla sovrapposizione/coincidenza della funzione di Assessore con deleghe in tema di urbanistica e di coniuge del soggetto destinatario di un provvedimento negativo (sospensione) emesso dal dirigente responsabile del competente Dipartimento." Il Movimento 5 Stelle dunque insiste, convinto della incompatibilità nei fatti dell'Assessore Morini ma il discorso rientra in un quadro di preoccupazioni per il settore urbanistica "particolarmente delicato per il comune di Gaeta come dimostra l'intensa edificazione negli ultimi anni e come, analogamente, risulta agli scriventi che nello stesso periodo si siano verificati intoppi burocratici sottoposti con segnalazioni ai rami competenti ed al difensore civico della Regione Lazio che hanno generato una dura presa di posizione dell'ex segretaria comunale del comune di Gaeta nei confronti dei responsabili del settore."