Le opere complementari stralciate dalla Regione Lazio dopo la revisione del progetto della Roma-Latina si faranno. E saranno finanziate dal Governo. E' quanto annunciato ieri a Latina dal sottosegretario al Lavoro Claudio Durigon e dal capogruppo regionale della Lega Angelo Tripodi. Proprio il Carroccio s'è attivato per reperire le risorse e per recuperare delle infrastrutture minori rispetto alla grande opera ma indispensabili per molti territori. Sempre in tema di opere pubbliche, Tripodi è riuscito a strappare degli importanti emendamenti al piano di programmazione 2021-2027 della Regione Lazio per realizzare e potenziare altre infrastrutture fondamentali per la provincia.


Insomma, se non è Natale ci manca poco, per la Lega di Latina. Il Carroccio è riuscito a portare a casa importanti risultati che ora ha anche la possibilità di rendere concreti essendo al Governo del Paese e avendo la possibilità di conquistare la Regione. Ieri al Park Hotel Durigon e Tripodi hanno illustrato lo "sblocca opere" e svelato come sia stato possibile riuscire in questo intento. «Tutto nasce quando abbiamo avuto la certezza che Zingaretti avesse stralciato dalla revisione progettuale della Roma-Latina le opere accessorie - ha spiegato Angelo Tripodi Opere sì complementari ma importanti per la nostra provincia. Grazie al lavoro delle Lega e del viceministro del Governo Draghi Alessandro Morelli, abbiamo recuperato questi progetti e ottenuto finanziamenti per 155 milioni e 700 mila euro. La Lega, dunque, dà una nuova speranza ai territori laddove Zingaretti aveva tagliato ogni possibilità di crescita».

Nello specifico le opere finanziate sono: Via Apriliana con 7,88 milioni, via di Foce Verde con 28,64 milioni di euro, la tangenziale di Latina con 89,56 milioni di euro. Ci sono poi anche la regionale Ariana con 9,52 milioni di euro e la tangenziale Labico con 20,10 milioni. «Dimostriamo ancora una volta coi fatti che la Lega è attenta al proprio territorio - ha aggiunto il sottosegretario al lavoro Claudio Durigon - Ora è necessario vincere le elezioni regionali e governare il Lazio per trasformare in concreti questi progetti. La Regione ha bisogno di lasciarsi alle spalle l'inconcludenza della stagione Zingaretti». Queste opere saranno incluse nel progetto della bretella Cisterna-Valmontone.

Ma non finisce qui, perché Angelo Tripodi ha anche spiegato di aver ottenuto l'inserimento nella programmazione 2021-2027 di altri importanti progetti per il territorio pontino. «Il che rende ancora più importante conquistare la Regione», hanno spiegato i due all'unisono. Tra le opere ci sono la Pedemontana Formia-Cassino, il collegamento Fondi Ceprano e il raddoppio e completamento della Monti Lepini. Nei progetti ci sono anche il potenziamento e il completamento dei porti di Rio Martino, Gaeta, Terracina, Formia , Ponza e Ventotene. Inoltre, Tripodi ha proposto un rilancio dell'Intermodale.
Durante la conferenza stampa c'è stato spazio anche per qualche ragionamento politico in vista delle elezioni. Claudio Durigon, che è anche coordinatore regionale della Lega, ha confermato che «l'indicazione del candidato presidente della Regione spetta a Fratelli d'Italia», aggiungendo che «si voterà il 12 e 13 febbraio nel Lazio e forse anche in Lombardia». Poi, su Latina città, ha aggiunto: «Non c'è mai stato, in questi anni, un clima così positivo tra noi del centrodestra. Troveremo i candidati nelle persone migliori possibile per ricoprire il ruolo in tutti i comuni al voto».