Le elezioni regionali con una lista competitiva formata da sindaci ed ex sindaci e poi le amministrative, a Latina in particolare, con un candidato sindaco che dovrà essere politico per ridare slancio all'azione politico-amministrativa del capoluogo. Sono questi gli argomenti principali del direttivo provinciale di Forza Italia che si è svolto venerdì 23 dicembre. Una riunione che tradizionalmente serve per scambiarsi gli auguri di Natale ma che stavolta è stata davvero ricca di spunti e contenuti, in quanto siamo alla vigilia di una stagione elettorale determinante per il territorio. Oltre al coordinatore provinciale Alessandro Calvi erano presenti il coordinatore regionale del Lazio, Claudio Fazzone, il parlamentare europeo, Salvatore De Meo e del consigliere regionale, Giuseppe Simeone.


Due, in primis, i temi affrontati, le elezioni regionali del 12 e 13 febbraio e le elezioni amministrative che coinvolgeranno molti Comuni, tra cui il capoluogo pontino, a maggio 2023. «Quella per le regionali del Lazio è una campagna elettorale importantissima. Purtroppo, come accaduto per le politiche, i tempi sono strettissimi ed i temi molti e complessi – spiega Alessandro Calvi - Come Forza Italia non solo siamo pronti ad affrontarli ma soprattutto ad avanzare le proposte e le idee che possano contribuire a risolvere le tante criticità innescate ed acuite dalla giunta Zingaretti. Mi riferisco ai problemi mai risolti che hanno inciso negativamente sulla sanità, sull'accesso dei cittadini alle cure e alle prestazioni, all'emergenza che caratterizza i pronto soccorso e alle difficoltà crescenti che il personale costantemente sottodimensionato è costretto ad affrontare per dare assistenza ai pazienti. Così come una svolta concreta è necessaria in termini di sviluppo ed infrastrutture portando a compimento le opere rimaste sulla carta da decenni, come la Roma – Latina e la Cisterna – Valmontone e completando quelle rimaste in sospeso. Penso alla drammatica congiuntura economica che ha portato tantissime famiglie sotto la soglia della povertà e centinaia di aziende a chiudere senza che la Regione sia riuscita ad intervenire per dare ossigeno a sostegno a chi ne ha più bisogno. Quello che abbiamo di fronte è una campagna elettorale che impone responsabilità e conoscenza dei temi e della macchina amministrativa». Per vincere e per strappare un seggio serve una lista forte e gli azzurri stanno lavorando in tal senso. «Come Forza Italia abbiamo scelto di formare una lista altamente competitiva e qualificata, formata da sindaci ed ex sindaci, che nelle prossime ore sarà formalmente definita e che siamo certi potrà fare la differenza anche sotto il profilo dei consensi – afferma ancora Calvi - Forza Italia alle ultime elezioni politiche ed amministrative nella provincia di Latina ha portato dei risultati eccellenti che si sono distinti a livello nazionale, queste elezioni regionali nel Lazio non potranno che confermarli se non migliorarli. Chi sarà eletto avrà il compito di lavorare all'insegna della continuità di quanto fatto in questi anni da Forza Italia, grazie al nostro consigliere regionale uscente Simeone. Il candidato presidente del centrodestra, Francesco Rocca, è un valore aggiunto in questa competizione in cui Forza Italia come sempre avrà un ruolo centrale e costruttivo per arrivare alla vittoria».

Poi, a maggio, ci saranno le comunali a Latina. Rispetto a questo appuntamento, aggiunge Calvi, «il nostro coordinatore regionale Claudio Fazzone ha ribadito e sottolineato che sottoporremo ai cittadini un candidato sindaco politico che sappia dare alla città, sulla scorta di un programma mirato, un governo pragmatico e non fatto di chiacchiere e promesse. Il prossimo sindaco di Latina, infatti, dovrà essere capace di gestire la situazione non rosea che si troverà di fronte ed avrà il compito primario di rimettere in equilibrio il bilancio dell'amministrazione. Forza Italia è consapevole di avere le carte in regola per affermarsi ovunque all'insegna della compattezza e della determinazione che da sempre la contraddistingue. Siamo pronti, come sottolineato anche dal nostro parlamentare europeo De Meo, a riportare Latina a ricoprire il ruolo centrale di capoluogo che le appartiene con un governo forte, stabile e credibile».