"Se vuoi, si fa". Non solo uno slogan quello scelto da Giuseppe Schiboni, candidato alle elezioni regionali del 12 e 13 febbraio, bensì un modo di fare politica coniugando spirito di squadra, pragmatismo, ascolto e attenzione al territorio.

Quello spirito di squadra che si è respirato anche venerdì sera all'Oasi di Kufra, a Sabaudia, nell'apertura ufficiale della campagna elettorale di Schiboni. Assente a causa del maltempo il senatore Claudio Fazzone. 

A fare gli onori di casa, il sindaco di Sabaudia Alberto Mosca, che ha ringraziato i vertici di Forza Italia per la vicinanza sempre dimostrata. «Appoggio Giuseppe Schiboni – ha detto il primo cittadino nel suo intervento – con grande convinzione. C'è stato sempre un clima di collaborazione tra San Felice e Sabaudia e abbiamo superato insieme problemi e criticità abbattendo i confini territoriali. Una sinergia importante non solo per questi due Comuni, ma per l'intero territorio. Facendo squadra, possiamo davvero imprimere una svolta positiva». Il sindaco di San Felice Circeo, Monia Di Cosimo, ha evidenziato la grande umanità, il pragmatismo e la lungimiranza mostrati da Giuseppe Schiboni sia da sindaco che da consigliere comunale, nonché durante gli anni in cui ha ricoperto l'incarico di assessore provinciale con delega alle Politiche Scolastiche. Sempre con grande coerenza, vestendo la casacca di Forza Italia dal 1994.

Un concetto, questo della coerenza, su cui si è soffermato anche Giovanni Secci, vice sindaco di Sabaudia e coordinatore di Forza Italia nella città delle dune. «La coerenza – ha detto – è quasi sconosciuta di questi tempi. E la coerenza, in questa tornata elettorale, si chiama Giuseppe Schiboni. La vostra presenza – ha aggiunto rivolgendosi alla platea – ci dimostra che è la persona giusta per la Regione Lazio».

Luca Palmegiani, coordinatore dei Giovani di Forza Italia, ha espresso la vicinanza del gruppo ai candidati Azzurri impegnati in questa tornata elettorale, mettendo in luce ancora una volta l'impegno profuso da Giuseppe Schiboni per tutto il territorio. «Talvolta ci criticano il fatto di non aver candidato dei giovani. I giovani, però, - ha replicato Palmegiani – vanno ascoltati e motivati, vanno coinvolti. Non basta candidarli. E noi, giovani di Forza Italia, siamo sempre stati ascoltati da questa squadra che ora siamo pronti ad aiutare».

Il consigliere regionale Giuseppe Simeone, da tutti gli intervenuti ringraziato per il lavoro svolto in questi anni alla Pisana dai banchi dell'opposizione, ha affrontato alcune delle problematiche che affliggono la Regione, in primis la Sanità tra liste d'attesa, pronti soccorsi affollati e altre criticità. «È ora di cambiare. Tu – ha detto rivolgendosi a Schiboni – hai la possibilità di esaltare il nostro territorio e sono sicuro che saprai ben rappresentarci in Regione tra i banchi della maggioranza».

«La nostra lista – ha affermato Salvatore De Meo, eurodeputato – è competitiva. Ho una sensazione positiva nei territori e sono convinto che il centrodestra sia la coalizione vincente. Schiboni – ha poi aggiunto parlando del candidato – ha avuto una visione del suo territorio che è andata oltre l'ordinario, dimostrando grande capacità di ascoltare. Forza Italia è un punto di riferimento nella nostra Regione e nella Provincia e abbiamo sempre dimostrato di saper tirare fuori le migliori energie mettendole a servizio dei cittadini».

«Vent'anni da sindaco, poi l'impegno da assessore provinciale. Ruoli che Giuseppe Schiboni ha svolto al meglio, come dimostrano le tantissime persone che oggi sono qui – ha affermato Alessandro Calvi, coordinatore provinciale di Forza Italia – nonostante il maltempo. È una persona attenta al nostro territorio, verso il quale ha operato con coerenza e competenza. La nostra è una lista ambiziosa ma vincente e sono convinto che Forza Italia in provincia porterà grandi risultati assumendo una posizione determinante».

«Ringrazio il senatore Fazzone, tutti gli intervenuti e i presenti. Sono convinto – ha detto Giuseppe Schiboni – che Forza Italia abbia messo in campo la squadra migliore. Io metterò a disposizione la mia esperienza da amministratore locale e lavorerò sempre con spirito di gruppo, perché sono convinto che serva una vera coesione tra cittadini, politica e istituzioni. La vostra presenza mi dà ancora più forza e determinazione. Infrastrutture, Viabilità, Sanità, Gestione dei Rifiuti, Cultura. È necessario imprimere una svolta e cambiare rotta. La nostra missione è quella di dare alla provincia di Latina la dignità che merita e mi batterò per questo».