Una sala decisamente troppo piccola per accogliere un candidato alla presidenza della Regione Lazio. Per Francesco Rocca un bagno di folla per la sua prima volta a Latina in questa breve e intensa campagna elettorale. Ad accoglierlo  all'hotel Europa di Latina ci sono i coordinatori provinciali e regionali dei partiti della coalizione, Paolo Trancassini, Claudio Durigon, Alessandro Calvi e Mario Tortorelli, Alessandro Zomparelli e tanti candidati, dirigenti di partito e anche cittadini.

Francesco Rocca ha fatto i compiti a casa e si è presentato preparato, mostrando una conoscenza chiara di come stanno le cose a Latina e provincia. «Dieci anni di centrosinistra hanno lasciato questo territorio nel completo abbandono - ha esordito subito - Le infrastrutture sono il primo esempio. Su una cosa voglio essere chiaro: la Roma-Latina va fatta. Punto. Di tempo se n'è perso già troppo. E poi vanno realizzate opere come la Pedemontana. L'altro giorno ero a Formia e mi è bastata citarla per provocare un boato». Per Rocca la Regione e la provincia di Latina in particolare hanno bisogno di un rilancio completo, in ogni settore. «Dobbiamo diminuire la burocrazia, facendo in modo che le imprese abbiano percorsi più celeri per gli investimenti. E allo stesso tempo bisogna velocizzare le procedure amministrative, perché i territori hanno bisogno di risposte veloci»