Anche a destra l'asse tra Forza Italia e Partito democratico comincia a sollevare critiche. Il portavoce provinciale di Fratelli d'Italia An Nicola Calandrini ritiene che questo accordo, nato per gli interessi all'interno di Acqualatina, serva "solo a tutelare le poltrone e il potere di pochi". Un affondo che rende sempre più difficile, a questo punto, un ritorno all'unità per il centrodestra pontino.
"Forza Italia e Partito democratico in provincia di Latina stanno sistematicamente soccorrendosi per trasformare le loro debolezze in resistenza al cambiamento che avanza - afferma in una nota Nicola Calandrini, coordinatore di Fdi  An -I casi di Gaeta, in cui il PD sostiene il candidato di FI, il caso di Formia in cui FI salva il bilancio e quindi evita la fine dell'amministrazione Bartolomeo, ma prima ancora le scelte su Acqualatina, sono oramai non indizi ma "prove provate"di una strategia di conservazione ben precisa. I due partiti, in oggettiva crisi davanti ai nuovi bisogni della società pontina, rispondono non cercando di intercettare il cambiamento, non mettendo in campo idee e proposte nuove per la crescita del territorio, ma difendendo il loro potere poiche' questi sono solo accordi di potere.
Si sono accorti che mettersi insieme sul terreno della tutela delle poltrone evita di doversi confrontare con le domande nuove della nostra gente. Oggi, e ce ne dispiace, la classe dirigente di FI ha scelto definitivamente la conservazione, si è alleata con un PD che è solo ceto politico, mentre noi ribadiamo la scelta coerente di proporre ai cittadini un progetto politico di centro destra basato sui valori e sull'ascolto dei cittadini. L'asse PD-FI è sordo ai bisogni delle persone ed inutile alla crescita delle nostre città e della provincia intera. La nostra proposta politica è sulle cose, ed è chiara sugli schieramenti, noi lavoriamo per una coalizione di centro destra alternativa al PD, ai cinque stelle e al civismo alla Coletta. L'alternativa alla chiarezza è barare nel gioco della politica, quello che Partito Democratico e Forza Italia stanno facendo".