Tre questioni lasciate senza risposta e diverse perplessità circa le scelte su opere pubbliche, centro storico, sicurezza e pubblica illuminazione. Sono queste le motivazioni che, nel corso dell'ultimo Consiglio comunale di Sermoneta, hanno portato Emanuele Agostini, Antonio Aprile, Paolo Cargnelutti e Antonio Scarsella a votare "no" dopo la discussione sul bilancio di previsione per l'anno in corso, predisposto dalla maggioranza guidata dal sindaco Claudio Damiano.
Questioni irrisolte
Secondo la minoranza, col documento economico e finanziario non si è data risposta circa la ristrutturazione dell'ex magazzino delle Ferrovie di Sermoneta Scalo: «Due anni di attesa non sono evidentemente sufficienti - spiegano dall'opposizione - Se l'amministrazione non è in grado di agire direttamente si avvalga di collaborazioni esterne o del volontariato». Altro nervo scoperto riguarda l'edificio scolastico di fondazione a Doganella di Ninfa: «Deve continuare a restare chiuso? - si chiedono i consiglieri - A deperire ulteriormente? Non è il caso di mettere in piedi un progetto specifico per restituirlo alla comunità?» Infine, un passaggio anche sul "Grigliato di Monticchio": «Il Comune parla di una pista ciclabile che dovrebbe collegare Sermoneta a Latina. Che senso ha continuare a procedere ancora una volta per spot mentre non si affrontano le questioni principali?» si chiedono ancora i quattro della minoranza.
Gli altri dubbi
Agostini, Aprile, Cargnelutti e Scarsella non hanno condiviso altre scelte del governo civico. Uno dei temi caldi è quello della sicurezza: «È stata fatta un'analisi legata alla messa in sicurezza dei percorsi pedonali e urbani, soprattutto quelli che collegano le aree abitate ai servizi scolastici, sociali e civili? Evidentemente no - chiosano - visto che nella pianificazione comunale non se ne trova riscontro».
Altro riferimento è alla pubblica illuminazione: «Si continua a destinare risorse senza che ci sia anche un programma che preveda la messa in sicurezza degli incroci con sistemi di pubblica illuminazione, un programma generale che comprenda l'intero territorio, l'installazione di impianti di autogenerazione energetica, la trasformazione degli impianti esistenti per arrivare a un risparmio della bolletta».