Affiancato dall'eurodeputato Fabio Massimo Castaldo, dal consigliere regionale Valentina Corrado e dal candidato sindaco Mario Savarese, il deputato del MoVimento Cinque Stelle, Alessandro Di Battista, ha decisamente "infiammato" la piazza di Ardea, in particolare largo Genova, alla Nuova Florida, dove erano presenti sicuramente più di 500 persone pronte ad applaudire gli interventi dell'onorevole grillino.

Spaziando molto più sulla politica nazionale che su quella locale, Di Battista ha parlato di tutte le varie tematiche cult della propaganda pentastellata, probabilmente in vista della campagna elettorale per le elezioni politiche che sembra essere davvero prossima. «Io ho restituito molto di più di quello che ho guadagnato - ha esordito - Siamo entrati in Parlamento nel 2013, abbiamo fatto opposizione con ardore e stravinto in Comuni che avevano delle macerie, città e paesi che stiamo ritirando su insieme».

Poi un passaggio su un ipotetico incarico al Governo nazionale: «Ci presenteremo alle Camere col reddito cittadinanza e con la legge sul conflitto interessi. In quest'ultimo caso, pensavo ce l'avesse solo Berlusconi ma oggi, dopo quattro anni in Parlamento, capisco che ce l'ha anche la sinistra». Non è tutto: «Abbiamo incanalato la rabbia dei cittadini nel MoVimento e nella certezza che l'Italia ce la può fare. E qualora dovessimo vincere ad Ardea dovrete essere voi i primi a rivendicare quanto scritto nel programma. Altrimenti - ha concluso - non voterete più il MoVimento Cinque Stelle».