Un Consiglio comunale acceso e ricco di elementi quello andato in scena martedì pomeriggio a Nettuno. A tenere banco una lunga discussione sulle buche andata avanti per 90 minuti. Il consiglio comunale di Nettuno si è "incartato" sulle buche, sulla nuova macchina acquistata dal Comune e persino sugli articoli di stampa. L'opposizione ha contestato tutto: l'innovazione, la reale incisività del macchinario, i suoi costi, gli interventi, ha contestato il modo in cui l'Amministrazione si "rivende" i lavori in corso con la stampa, contestata anche la Poseidon e la reale capacità del personale di assolvere al compito. A replicare l'assessore ai lavori pubblici Guido Fiorillo, che ha snocciolato i costi sostenuti dalle precedenti amministrazione per delle buche che saltano ad ogni colpo di vento, fatto presenti i lavori in corso e quelli che si intende fare. I consiglieri a 5 stelle, «alla luce del fallimento dei metodi usati fino ad ora», hanno quindi rivendicato la titolarità di tentare nuove strade. Alla fine si è arrivati all'approvazione di una variante non sostanziale del progetto, ormai definitivo, di realizzazione di supermercato nell'area di via La malfa in prossimità del centro Le Vele. Sul punto, nonostante i malumori di entrambe le parti, il consiglio comunale era pronto a votare unito ma l'intervento del capogruppo grillino Marco Montani ha esasperato gli animi dell'opposizione. Sia il consigliere Claudio Dell'Uomo che il consigliere Genesio D'Angeli, come pure Giacomo Meneghini, infine hanno votato contro solo ed esclusivamente per la polemica con il consigliere di maggioranza.